Questo sito contribuisce all'audience de

Luca Bocci

Come promesso un paio di settimane fa, tempo della seconda puntata nella nostra mini-serie dedicata alle feste che popolano il calendario pisano nel mese di Giugno. Dopo aver parlato della Luminara, l’incredibile festa della luce che trasforma la città della Torre Pendente in uno scenario da favola, tocca ora all’appuntamento principe del Giugno Pisano, quella rievocazione strana ed amatissima conosciuta come Gioco del Ponte..

L’ultimo sabato del mese, squadre di energumeni rappresentanti Tramontana e Mezzogiorno, il nord e sud della città, si affrontano sul Ponte di Mezzo in quello che molti foresti hanno descritto come un “tiro alla fune alla rovescia”. Spingere il pesante carrello dall’altra parte del ponte è forse una delle rievocazioni storiche più curiose in Italia, molto diversa dalle altre giostre e palii che popolano le nostre estati. La cosa non è sorprendente, dato che questa incarnazione non è affatto antica. Se la inventarono di sana pianta gli amministratori cittadini nel dopoguerra per prendere il posto del vero gioco che si era tenuto nella Repubblica Marinara per secoli.

 

Clicca qui per seguirci su Apple Podcasts 
Clicca qui per seguirci su Spotify 
Clicca qui per seguirci su Google Podcasts

Il vero Gioco del Ponte era più semplice e molto più violento, tanto che definirlo un “gioco” è un eufemismo. Senza troppi giri di parole, era una enorme rissa più o meno organizzata che coinvolgeva centinaia di combattenti e poteva durare un’ora. I pisani ne andavano talmente pazzi che nemmeno una devastante alluvione dell’Arno riuscì ad impedire che si disputasse.

Seguiteci mentre ci incamminiamo nella storia di questo scontro feroce e di come fu fondamentale per mantenere viva la memoria e lo spirito guerriero di Pisa dopo la devastante sconfitta e la brutale occupazione da parte degli odiati fiorentini. Questa settimana What’s Up Tuscany vi porta nella storia della battaglia sul ponte che tenne Pisa viva – puntata assolutamente da non perdere.

Preferireste che le nostre puntate fossero più corte? Stiamo cercando di dire troppo o troppo poco? Fatecelo sapere: ogni feedback è fondamentale per farci migliorare. Ci vuole davvero poco per mettersi in contatto: basta un messaggio diretto sui profili social o una mail. Se volete bene alla Toscana, alla sua arte, storia, cultura e cibo seguiteci sulla vostra app di podcast preferita. Non ve ne pentirete di sicuro!

Email: podcast@larno.it
Facebook: https://www.facebook.com/larno.it
Twitter: @arno_it / @WhatsupTuscany

Write A Comment