Questo sito contribuisce all'audience de

Sullo 0-2 per il Vicenza solo gli “ottimistoni” ci credevano: “Dai dai si pareggia”. Ma serviva un bello sforzo di autoconvincimento per crederci. Qualcuno, a dire il vero, spavaldamente si spingeva oltre: “Si vince”. La profezia autoavverante può essere la chiave per raggiungere i propri obiettivi e alla base c’è un semplice concetto: se vuoi puoi. È uno dei fenomeni più studiati in psicologia sociale…

Il 2-2 finale è giusto per ciò che si è visto in campo. Un punto che lascia un po’ l’amaro in bocca per le velleità del Pisa di agganciare un ticket per i playoff. Ma ricordiamocelo, l’obiettivo veramente importante è mantenere la categoria, possibilmente salvandosi con qualche giornata di anticipo. Tutto quello che verrà in più sarà tanto di guadagnato. E c’è già chi sogna proiettandosi al 2021-2022: “Ci divertiremo nella prossima campagna acquisti”. Ovviamente sperando in qualche bel colpo da parte del nuovo proprietario, il facoltoso Alexander Knaster.

La partita dell’Arena Garibaldi è stata emozionante. Nel primo tempo il Vicenza ha dominato, anche se dopo appena tre minuti è il nerazzurro Beghetto a sfiorare il gol con un gran tiro su punizione che tocca la traversa. I veneti passano in vantaggio al 22′ con Dalmonte, che finalizza un passaggio di Cappelletti infilando Gori sul primo palo. Al 32′ il Vicenza raddoppia con una favolosa rovesciata di Meggiorini che pietrifica Gori: un gol così meriterebbe di essere ricordato, con la foto, sulle bustine delle figurine Panini.

Nel secondo tempo il Pisa si sveglia e accorcia le distanze al 14′: Beghetto lancia Vido sulla fascia, l’attaccante si libera con una finta del difensore vicentino e, con un bel tiro di destro, insacca il pallone in rete toccando il palo interno. Bellissima azione e gran gol. Passano appena due minuti e Mazzitelli si supera siglando la rete del 2-2 con un grandissimo sinistro al volo dal limite dell’area. Anche in questo caso l’azione è innescata da Vido, con un cross dalla fascia respinto dalla difesa vicentina. Gli uomini di D’Angelo riagguantano una partita che pareva destinata a finire davvero male per i colori nerazzurri.

– – – – –

PISA – Stefano Gori, Birindelli (Lisi 29’ st), Caracciolo, Benedetti (Varnier 29’ st), Beghetto, Siega (Soddimo 1’ st), Mazzitelli, Marin (De Vitis 29’ st), Gucher, Vido, Marconi (Palombi 41’ st). In panchina: Perilli, Pisano, Belli, Mastinu, Meroni, Quaini, Marsura. Allenatore: D’Angelo.

VICENZA – Grandi, Valentini, Pasini, Cappelletti, Beruatto, Zonta (Cinelli 16’ pt ), Pontisso, Agazzi (Vandeputte 22′ st); Giacomelli (Nalini 22′ st), Dalmonte (Gabriele Gori 25’ pt), Meggiorni (Longo 22′ st). In panchina: Zecchin, Perina, Nalini, Bruscagin, Padella, Barlocco,Rigoni, Lanzafame. Allenatore: Di Carlo.

Marcatori: Dalmonte 22′ pt, Meggiorini 32′ pt; Vido 13′ st; Mazzitelli 16′ st
Ammoniti: Pasini (V), Beghetto (P), Caracciolo (P), Marin (P), Mazzitelli (P)
Arbitro: Pagnotta (Nocera Inferiore).

 

L’esultanza di Mazzitelli dopo il 2-2

Foto: Gabriele Masotti

Write A Comment