Questo sito contribuisce all'audience de

C’era molto entusiasmo tra i tifosi del Pisa per la presenza in tribuna, a Chiavari, del nuovo proprietario del club, Alexander Knaster. Purtroppo il suo primo boccone di calcio nerazzurro è amaro. Il Pisa esce sconfitto 2-1 dall’Entella, dopo essere passato in vantaggio e aver segnato il 2-0, annullato per un fuorigioco inesistente. Ma in Serie B, si sa, il Var c’è solo per le gare di playoff. I liguri hanno rialzato la testa e, pur avendo un organico nettamente inferiore, sono riusciti prima a pareggiare (su rigore), poi a portarsi in vantaggio e, prima della fine, a colpire persino una traversa. Tre punti pesanti per l’undici di Vincenzo Vivarini, che si conferma bestia nera per il Pisa (quattro vittorie e un pareggio su cinque scontri diretti) ed esce dalla pericolosa zona playout.

L’Entella schiera tra i titolari il neo acquisto Alessandro Capello, appena arrivato dal Venezia, in coppia d’attacco con Brunori. Assente il capitano Paolucci. Nel Pisa c’è l’ex Mazzitelli, a centrocampo, con Palombi e Vido a pungere (bomber Marconi parte in panchina, così come il neo acquisto Marsura, ex Livorno). Invertiti gli uomini sulle fasce: Lisi a destra e Birindelli a sinistra.

Dopo un esordio frizzante, con un’occasione per parte, il Pisa la sblocca al 22° su calcio d’angolo. Il difensore centrale Caracciolo, lasciato solo in area, insacca di testa. I nerazzurri si esaltano e macinano gioco e occasioni. Prima ci prova Gucher da lontano, poi il capitano del Pisa serve Palombi che tira e Russo devia in corner. Dalla bandierina il pallone finisce a centro area e Benedetti segna, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. L’Entella soffre da morire un Pisa arrembante, che ha il pieno dominio del centrocampo.

La svolta arriva al 42°: su cross dalla destra Benedetti tocca Capello e l’arbitro, senza esitazione, fischia il rigore. Perilli imita Bruce Grobbelar (mitico portiere del Liverpool anni Ottanta) e si muove a scatti per innervosire Brunori, che però non ci casca e segna dagli undici metri, andando poi a sbeffeggiare il portiere nerazzurro. Il Pisa si ributta in avanti e sfiora con Mazzitelli, di testa, su cross di Gucher.

Nella ripresa l’Entella, sule ali dell’entusiasmo per il pari riacciuffato, sente di potercela fare e si spinge in avanti. Su calcio d’angolo Capello tocca verso la porta e Gucher si oppone sulla linea. Il Pisa trema. Ancora dalla bandierina Capello tocca benissimo verso l’incrocio e Gucher salva di nuovo. Sembra tutto un altro Entella rispetto al primo tempo. Il Pisa prova a reagire e, su cross di Benedetti, Soddimo colpisce di testa, Russo devia e Palombi di un soffio non insacca. Arrivano i cambi: Morosini e Nizzetto, per l’Entella, prendono il posto di Capello e Settembrini. Per il Pisa Marconi e Sibilli per Vido e Soddimo. Poco dopo spazio anche per Marsura al posto di Palombi.

L’Entella passa in vantaggio al 78° con una splendida azione: Morosini di tacco passa la sfera a Brescianini, che serve per Koutsoupias, liberatosi  grazie a una splendida finta di Brunori; il giovne centrocampista greco non sbaglia e insacca alle spalle di Perilli. Padroni di casa ancora avanti, con una bella verticalizzazione Schenetti-Koutsouapias, palla in mezzo per Bresciani che, a colpo sicuro, viene respinto da un nerazzurro. Il Pisa tenta il tutto per tutto per riacciuffare il pari, che sfiora grazia a un bel tiro di Marsura, parato da Russo. Ci prova di nuovo Marconi, su cross di Birindelli, ma l’estremo difensore dei liguri è attento.

 

Foto: LaPresse – Tano Pecoraro (il Giornale.it)

 

 

Write A Comment