Questo sito contribuisce all'audience de

Il problema dei “portoghesi” sui mezzi pubblici purtroppo è molto diffuso, con danni pesanti per le casse delle aziende di trasporto. La soluzione più gettonata è quella di intensificare i controlli, cercando di pizzicare (e multare) chi viaggia senza biglietto. Serve però tanto personale ed è impensabile coprire tutte le corse con un numero adeguato di controllori. Parliamo al plurale perché un solo controllore di solito non è sufficiente: se i bus aprono le porte i portoghesi possono sempre dileguarsi passando da una porta sguarnita.

Ecco che arriva una soluzione intelligente. L’installazione dei varchi elettronici sui bus. Siamo a Prato, in Toscana, dove la Cooperativa Autotrasporti Pratese (Cap) ha installato delle sbarre all’ingresso degli autobus della Lam Viola. Il passeggero sale a bordo e avvicina la propria tessera di abbonamento o il biglietto nella apposita validatrice: se va tutto bene si sente un “Bip”, la luce verde e le sbarre si aprono, permettendo di entrare sul bus. In caso contrario si sente un altro suono, “Bop”, la luce rossa e il varco resta chiuso. Si potrà proseguire la corsa acquistando il biglietto dall’autista oppure utilizzando il servizio Sms (valido sulla rete urbana).

Il varco, oltre a impedire fisicamente l’accesso sul bus a chi non ha il biglietto, permette un maggior controllo sociale, mostrando a tutti i passeggeri se a bordo c’è qualche viaggiatore non in regola. La prima sperimentazione dei varchi sui bus avviene sulla linea che va da piazza della Stazione, a Prato, va ad Agliana e poi prosegue fino a Montemurlo. Si è scelta una linea ad alto tasso di “portoghesi”, superiore al dato medio (10%). Se tutto andrà bene i varchi saranno posizionati su tutta la flotta dei bus.

E per chi ha un abbonamento regionale oppure il diritto a viaggiare gratis (forze dell’ordine)? In quel caso, esibendo il tesserino, ad aprire le sbarre sarà il conducente.

 

Foto: Cooperativa autotrasporti pratese

 

 

2 Comments

  1. lorenzo van perg Reply

    vivo in portogallo da anni…qua’ il biglietto lo pagano tutti..i treni e gli aujtobus viaggiano n orario ..moderni e puliti…sarebbe l’ora di smetterla di usare il termine dispregiatico “portoghese” e sostituirlo con “italiano”

Write A Comment

Preferenze di Privacy

Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l’accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSID, gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types],

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC, act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs
PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC
act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs

Statistica

I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

_ga, _gid
_ga, _gid

Preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

_OneSignal_session, __cfduid,
_OneSignal_session, __cfduid,