Questo sito contribuisce all'audience de

Piccolo di statura, velocissimo, con un dribbling fulminante, gran fiuto del gol e ottime doti anche come uomo assist, Franck Ribery è sicuramente un fuoriclasse. Il suo arrivo alla Fiorentina è una buona notizia per il calcio italiano, anche se ha già 36 anni suonati. Viene da chiedersi: non avrebbe avuto più senso investire su uno più giovane? Ovviamente ogni club fa le scelte che ritiene giuste. Su questo non ci piove. E se la Viola ha ritenuto di puntare su Ribery, pagandogli un ricco stipendio (4 milioni netti a stagione), avrà fatto bene i suoi calcoli.

Arrivato a Firenze il giocatore francese si è presentato in questo modo: “Ho parlato con Luca Toni, mi ha detto che la Fiorentina è un club grande e che la città è bella. A me piace la città e in più so già l’italiano: mi aspetto grande affetto. Grazie per tutto”.

L’ex campione del mondo (ed ex viola) Toni ha parlato così di Ribery: “La Fiorentina ha fatto un grande colpo: è un grande calciatore, è stato un campione ed ha grande voglia di fare tanto. L’ho sentito, è carico: la Fiorentina ha alzato il livello, sarà una bella guida per gli altri compagni e sarà importante anche per Chiesa. Sicuramente ha fatto un grande affare, è un ragazzo eccezionale e matto, ma uno di quei matti positivi”.

Ingaggio, risparmio grazie al Decreto Crescita

Come già avvenuto per Mario Balotelli, rientrato nel campionato italiano dopo alcuni anni all’estero, anche per Ribery vale la regola prevista dal Decreto Crescita. La tassazione incide solo sul 50% dello stipendio. E si applica anche sugli stranieri che decidano di trasferire la residenza in Italia. A fonte dell’ingaggio di 4 milioni netti a stagione, la Fiorentina ne pagherà altri due di tasse, per una spesa lorda di sei milioni all’anno, anziché otto.

Write A Comment

Preferenze di Privacy

Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l’accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSID, gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types],

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC, act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs
PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC
act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs

Statistica

I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

_ga, _gid
_ga, _gid

Preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

_OneSignal_session, __cfduid,
_OneSignal_session, __cfduid,