Questo sito contribuisce all'audience de

Chi ama davvero la propria città sa riconoscerne i pregi senza dimenticare i difetti. Francesca Bianchi, giornalista de “La Nazione”, ci aiuta a capire meglio luci e ombre di una città che è piena di energia e vitalità ma che, a volte, fatica a spiccare il volo. Forse perché ha paura di rischiare e si accontenta. O forse, perché, per guidare il necessario balzo in avanti, servirebbero persone giuste al posto giusto…

Qualcuno sostiene che Pisa sia un po’ morta, a livello di iniziative culturali, rispetto, ad esempio, a Lucca? È davvero così?

Pisa non è morta, affatto. Diciamo che sonnecchia facendo bei sogni. Le idee e le energie ci sono (anche grazie alla presenza di tre università, del CNR, di un numero straordinario di associazioni …), quel che manca è la capacità o la volontà di fare marketing territoriale. È un concetto che non piace a nessuno… Ma Pisa e i pisani non hanno ancora imparato a “vendersi”. Lucca ha invece consolidato esperienze come il summer festival. Grandi nomi…. Che noi facciamo fatica ad attirare.

Città e università: c’è sufficiente sinergia?

Normale e Sant’Anna hanno finalmente imboccato la strada della collaborazione. E il potenziale è notevole: due eccellenze che riescono a camminare parallelamente cercando punti di contatto. La città non può che trarne giovamento.

Veduta aerea di Piazza dei Miracoli a PisaMolti vengono a Pisa, visitano Piazza dei Miracoli e se ne vanno. Si potrebbe fare qualcosa per spingerli oltre?

Piazza dei miracoli è la miccia, il catalizzatore, la calamita. Quello che è necessario fare, lo ribadisco, è saper “vendere” anche il resto della città. Quando si sente dire che Pisa vive di rendita… è vero. Ma non basta più. Come per portare in città eventi culturali di richiamo servono idee ma anche manager di razza, anche per modificare e migliorare i flussi sarebbe necessario un manager del turismo. Non è il più il tempo dell’improvvisazione. Serve professionalità.

Ho letto che una volta hai detto: “Pisa è la mia città e non mi sognerei mai di vivere da un’altra parte”. Mi sapresti indicare tre cose per cui vale assolutamente la pena di vivere a Pisa?

Confermo: amo Pisa e amo vivere qui. È una città “a misura”: perfettamente vivibile dalle famiglie, dai giovani e anche dalle persone anziane. Ha il mare e uno splendido parco dietro l’angolo, quantità e qualità dei servizi.

E un difetto dei pisani?

Sono fondamentalmente pigri. Come se il loro sogno fosse raggiungere il massimo risultato con il minimo sforzo. Ma non sempre funziona. Ci vorrebbe più coraggio e voglia di buttarsi. Pisa è una città dalle tante anime, dalle tante vocazioni. Succede però che rimangano, spesso, tutte abbozzate.

Write A Comment

Preferenze di Privacy

Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l’accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSID, gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types],

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC, act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs
PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC
act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs

Statistica

I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

_ga, _gid
_ga, _gid

Preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

_OneSignal_session, __cfduid,
_OneSignal_session, __cfduid,