Questo sito contribuisce all'audience de

Charas, Giovane Padawan, Mizar Coccodrillo, Paolissima, Pierrot Lunaire, Sailplane, Scamperix. Questa la pattuglia di imbarcazioni targate Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa che hanno partecipato all’ultima edizione della 151 Miglia-Trofeo Cetilar che si è conclusa tra venerdì 3 e sabato 4 giugno davanti all’ingresso del porto di Punta Ala. Come tutte le edizioni le barche Ycrmp hanno onorato la prova con la loro presenza sul podio.

Nella piazzetta di Punta Ala il palco della premiazione ha visto premiati Paolissima (foto sotto) di Gianluca Poli, che ha vinto nella classe Gran Crociera assoluto e nella classe 1 (A), confermando il successo della scorsa edizione, e Pierrot Lunaire di Enrico Scaramelli vincitore nella categoria Gran Crociera 2 (D).

La premiazione di Paolissima

Ma ogni barca ha la sua storia a cominciare da Mizar Coccodrillo di Franco Di Paco, il decano degli armatori-timonieri della 151 Miglia che ha portato in mare tre generazioni di velisti: il figlio Marco e il nipote Pietro. Saiplane di David Carpita che ha chiuso al quindicesimo posto nella classifica overall Orc lasciandosi alle spalle 129 imbarcazioni; Charas di Giampiero Intrieri che porta in mare sempre qualche allievo della scuola vela e poi Scamperix di Ferruccio Scalari che, nel ventoso passaggio della Giraglia (raffiche fino a 30 nodi), ha rotto il fiocco olimpico ed è stata costretta al ritiro.

La premiazione di Pierrot Lunaire 

Infine il Giovane Padawan di Luca Di Guglielmo che si è ben difeso dimostrando di essere pronto per diventare un vero maestro Jedi della vela. Altra imbarcazione pisana, Mity di Luca Leoni con i colori della sezione pisana della Lega Navale Italiana.

Il prossimo appuntamento per la vela d’altura è per domenica 26 giugno: Tutti a Vela, la festa di inizio estate organizzata dallo Yacht Club Repubblica Marinara di Pisa e che, in questa edizione, si avvale di un nuovo prestigioso partner: Plastimo che va ad affiancarsi alla Nautica Sandroni, da sempre vicina al club pisano.

Andrea Bartelloni

Write A Comment