Questo sito contribuisce all'audience de

L’Associazione Gabriele Borgogni da quando è nata fornisce assistenza a tutti coloro che sono stati vittime di un sinistro stradale, dall’assistenza legale a quella medica e riabilitativa, oltre che promuovere attività di educazione stradale nelle scuole di ogni ordine e grado. Insieme ad altre due associazioni ha contribuito a far scrivere la prima bozza della Legge sull’omicidio stradale. Durante l’annuale cena di beneficenza, organizzata domenica sera al Tuscany Hall, sono stati raccolti oltre 5.500 euro per realizzare nuove attività sull’educazione, la sicurezza stradale e progetti per la città.

Durante la serata, condotta dalla “iena” Andrea Agrestri, la presidente dell’associazione, Valentina Borgogni, ha illustrato i progetti realizzati con i proventi della cena del 2019, portati avanti nonostante le difficoltà dovute al Covid, e quelli per il 2022, che comprendono: un programma di attività di educazione stradale nelle scuole superiori della Provincia di Firenze, da estendere anche agli altri gradi, per educare fin da piccoli i bambini al rispetto del codice della strada e alla sicurezza stradale; la realizzazione di un giardino con giochi inclusivi; la progettazione di gruppi di autoaiuto per i familiari che hanno perso una persona in sinistri stradali o per persone con disabilità gravi a seguito di incidenti; il proseguimento del progetto di pet therapy nel reparto dell’unità spinale dell’Azienda ospedaliera universitaria Careggi; la realizzazione di un decalogo sulla sicurezza stradale, stampato dalla Regione Toscana, in collaborazione con l’Associazione Lorenzo Guarnieri e l’Istituto tecnico artistico Firenze/Sesto Fiorentino, da distribuire a tutti gli studenti delle Scuole Superiori della Regione.

Valentina Borgogni, Pierangela Guasconi, Dario Nardella, Paola Peri, Andrea Agresti

“Quest’anno sono particolarmente emozionata e grata per l’vento annuale che l’associazione Gabriele Borgogni organizza dal 2005, interrompendo la tradizione solo nel 2020 a causa della pandemia – ha detto Valentina Borgogni -. È stato un periodo lungo e di grandissime difficoltà, e anche se l’emergenza non è finita, l’associazione, come tutti, si è adeguata ed ha continuato a svolgere la propria funzione, al fianco delle vittime della strada, portando avanti tanti progetti per la sicurezza stradale. Quest’anno abbiamo voluto organizzare oltre alla cena anche un convegno dedicato al tema, pensato come un momento di gioia e di ringraziamento per tutti i sostenitori dell’associazione, oltre che un momento di riflessione, più costruttiva, con il contributo di relatori impegnati in prima linea tutti i giorni con i problemi della sicurezza stradale”.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella nel corso della serata ha consegnato, a nome dell’Associazione Borgogni, un premio speciale alla Polizia Municipale per l’impegno nelle attività di educazione e sicurezza stradale, ritirato dalle commissarie Paola Pieri e Pierangela Guasconi. “L’associazione Borgogni sta facendo un importante lavoro sulla sicurezza e sull’educazione stradale – ha detto il sindaco -, temi sui quali stiamo collaborando con tanti progetti che coinvolgono anche gli studenti fiorentini. A Firenze c’è un grande lavoro di squadra tra le Istituzioni e le realtà che si occupano di sicurezza stradale: è forte da parte di tutti l’impegno per ridurre i morti sulla strada e salvare vite umane”.

Alla serata hanno preso parte diversi rappresentanti delle istituzioni, locali, regionali e nazionali, vicine all’associazione Borgogni, oltre ad altre Associazioni con scopi benefici. Erano presenti: l’onorevole Raffaella Paita, presidente della Commissione Trasporti della Camera; Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana; Stefania Saccardi, vicepresidente della Regione Toscana; Marilena Rizzo, presidente del Tribunale di Firenze; Filippo Santarelli, questore di Firenze; Filomena Maggini, professoressa di Statistica Sociale – Sapienza Università di Roma-Coordinatrice del Dipartimento “Benessere Integrale.

Eugenio Giani e Valentina Borgogni

Presenti anche alcuni rappresentanti del settore automotive, giornalisti, artisti e personaggi dello spettacolo e della musica, tra cui: Finaz, chitarrista della Bandabardò; Gianfranco Monti, conduttore radio-tv; Simone Ciulli, nuotatore italiano medaglia d’argento nella staffetta 4×100 alle Paralimpiadi di Tokyo 2020; Elena Linari, giocatrice dell’A.S. Roma femminile e della Nazionale italiana di calcio femminile e madrina della Associazione Gabriele Borgogni Onlus, ha invece inviato un video-saluto al pubblico presente. Vittorio Brumotti (inviato di Striscia la notizia) ha mandato il proprio video-saluto dopo aver ricevuto un riconoscimento speciale dall’Associazione Gabriele Borgogni.

Prima della cena/evento si è svolto un interessante dibattito sulla sicurezza stradale dal titolo: “Guida la tua vita La sicurezza stradale è una questione di testa”, moderato da Pierluigi Bonora, giornalista e promotore di #FORUMAutoMotive. Sono intervenuti: on. Alessandro Morelli, viceministro alle Infrastrutture e Mobilità sostenibile (in videoconferenza); Giordano Biserni, presidente Asaps; Giulio Del Popolo, direttore Unità Spinale Careggi; Maria Antonietta Gulino, presidente Ordine degli Psicologi Toscana; Massimo Improta, responsabile reparto Ausili Inail; Graziano Lori, presidente Associazione Cerchio Blu; Giampaolo Nannini, segretario provinciale Unasca; Andrea Pacini, coordinatore Disability project (Aerogravity); Annalisa Parenti, avvocato del Foro di Firenze; Silvia Pinzani, Funzionaria Uepe Firenze.

Valentina Borgogni e Raffaella Paita

Write A Comment