Questo sito contribuisce all'audience de

Trentatre anni, originaria della Moldavia, quando era stata assunta dall’enoteca Pinchiorri di Firenze, tre stelle Michelin, pensava di aver coronato un sogno. Ma non aveva fatto i conti con un corteggiamento ossessivo e tutti i problemi ad esso connessi. Corteggiamento che arrivava non da una persona qualunque ma da parte di Giorgio Pinchiorri, re dei sommelier e titolare del locale, con la moglie, la chef Annie Féolde. “È bastato poco perché quel sogno diventasse un incubo”, aveva raccontato la donna, costretta a denunciare il suo datore di lavoro. Il caso era balzato all’attenzione delle cronache nel settembre 2019. Dopo due anni Pinchiorri ha patteggiato la pena di 4 mesi.

Secondo quanto ha ricostruito la procura di Firenze le attenzioni da parte dell’uomo sarebbero andate avanti per cinque anni. La dipendente più di una volta si era ribellata, arrivando perfino a denunciarlo, al punto che il questore lo aveva ammonito intimandogli di non avvicinarsi più alla donna. Ma lui, a quanto pare, non aveva desistito, continuando a riservarle attenzioni non gradite, con messaggi, telefonate e regali.

Non riuscendo ad arginare gli slanci di Pinchiorri la sommelier moldava si era licenziata. Ma lui aveva continuato a farsi vivo con insistenza. Finché, dopo l’ennesimo episodio, era stato identificato dai carabinieri.

Foto: Imagoeconomica (ilGiornale.it)

1 Comment

Write A Comment