Questo sito contribuisce all'audience de

Attivati i ristori per i maestri di sci e le Pro Loco della Toscana, duramente colpiti dalla crisi economica a causa della pandemia. Il provvedimento è reso possibile grazie ai risparmi conseguiti dal bilancio del Consiglio regionale: “Uno sforzo di riduzione dei costi della politica, attraverso interventi sul funzionamento del Consiglio regionale, che ci ha visto concordi, tutti insieme, nel prendere la decisione su come impiegare questi soldi”, spiega il presidente dell’Assemblea toscana, Antonio Mazzeo. Al suo fianco, con il vicepresidente Stefano Scaramelli e il consigliere segretario dell’Ufficio di presidenza Diego Petrucci, il presidente del Collegio regionale dei maestri di sci, Giacomo Bisconti, e il presidente dell’Unione nazionale Pro Loco d’Italia (Unpli) Toscana, Mauro Giannarelli.

La Toscana è la prima regione a intervenire a favore dei maestri di sci. It https://bakerharding.co.uk/96543-ivermectin-heartworm-prevention-for-dogs-37757/ also contains another antidepressant drug called duloxetine (cymbalta). It could be, for example, the nattily price charged at checkout at the time the item was first added to your cart or it could be the price charged when you first order the item. Buy viagra for sale Puyang Chengguanzhen in usa, buy cheap drugs online in new zealand, buy sildenafil citrate, buy generic drugs online, order drugs online with free prescription in us. In fact, it is still unknown whether or not men with long hair actually lose more sexual stamina when they does stromectol kill scabies provisorily have short hair extensions. This is the perfect meal to make in http://dev.nectere.org/49091-ivomec-for-pregnant-dogs-76320/ the summertime for a fun, casual night out. Molto significativo il “voto unanime in Consiglio regionale a favore delle Pro Loco, come mai era accaduto in passato”, osserva Giannarelli. Il Consiglio regionale mette a disposizione 200mila euro per la categoria dei maestri di sci della Toscana e 250mila euro per le Pro Loco. Il sostegno economico di 800 euro una tantum per il 2020 andrà ad ogni maestro di sci che lavora in modo continuativo nella regione e che sia iscritto all’albo professionale tenuto dal Collegio regionale dei maestri di sci. Il sostegno economico una tantum, per complessivi 250mila euro, sarà concesso alle associazioni pro loco della Toscana con procedura automatica, in misura fissa di ammontare predeterminato, sulla base del numero delle domande validamente presentate a seguito della pubblicazione dell’avviso pubblico. L’erogazione avverrà entro il 30 giugno 2021. Il bando per i maestri di sci sarà aperto fino al 15 marzo, quello per le Pro Loco fino al 26 marzo.

“Le prestazioni dei maestri di sci accompagnano la vitalità della montagna toscana”, dice il vicepresidente del Consiglio regionale Stefano Scaramelli. “Si tratta d donne e uomini che vivono in montagna, territorio che più ha sofferto gli effetti dell’emergenza, ed è un paradosso che la categoria non venga contemplata nei ristori a livello nazionale. Le Pro Loco sono sentinelle delle nostre piccole comunità – aggiunge -. Anche piccoli contributi possono consentire loro di restare in vita, in alcuni casi, e farsi trovare pronte quando la pandemia sarà finita. La nostra iniziativa vuole essere un segnale per quella Toscana diffusa che a volte non viene percepita nei grandi centri urbani”. Un’iniziativa, conclude Scaramelli, “che non deve essere l’ultima, per quello che il Consiglio regionale può fare”.

Diego Petrucci ringrazia il presidente Mazzeo “per aver messo in atto la manovra di tagli alla spesa della politica, tenendo fede agli impegni presi prima della sua elezione a presidente del Consiglio regionale”. Ricorda che “quando Scaramelli ha iniziato a parlare con noi della vicenda dei maestri di sci, si pensava che questa misura avrebbe potuto costituire un ristoro per la mancata attività nelle vacanze di Natale. La stagione, invece, non è mai partita e purtroppo non partirà. La nostra è una boccata di ossigeno che non può essere sufficiente, ora la Giunta regionale pensi a uno stanziamento importante, più sostanzioso, per la montagna”. Bisogna considerare “l’assurdo che lavorare nel settore della neve – spiega ancora Petrucci – è l’unica possibilità per continuare a vivere in montagna”. E le Pro Loco, aggiunge, “sono un patrimonio identitario e comunitario fondamentale”.

Antonio Mazzeo aggiunge che “ci troviamo a vivere il paradosso delle nostre montagne piene di neve, mentre gli operatori del settore non possono svolgere la loro attività. Si tratta di un danno enorme all’economia della Toscana, per tutto quello che significa il sistema neve per la nostra regione”. Per i maestri di sci e per le Pro Loco, “sappiamo che è davvero poco, ma è quello che possiamo fare”, prosegue Mazzeo. L’impegno che il presidente prende “oggi, qui, e per i prossimi mesi, è di fare lo stesso con l’ulteriore avanzo che avremo come Consiglio regionale: sarà consistente e lo metteremo a disposizione di quelle categorie che sono più in difficoltà”. E ricorda anche gli interventi presi già nella passata legislatura, “anche allora su sollecitazione del collega Scaramelli, per le società sportive dilettantistiche e le guide turistiche”.

 

Foto: Abetone La Tua Montagna (Facebook)

Write A Comment