Questo sito contribuisce all'audience de

Diciamo la verità, se fosse finita in parità non ci sarebbe stato nulla di strano. Ma nel calcio è così, vince chi segna un gol in più e tutto il resto conta zero, o quasi. Dopo due pareggi consecutivi la Cremonese conquista la vittoria battendo il Pisa 2-1. Una partita ricca di occasioni quella disputatasi allo stadio Zini. La Cremonese parte a razzo e segna due gol in dieci minuti, sfruttando anche alcune ingenuità della difesa neroazzurra. Al 6′ Castagnetti lancia Valeri sulla fascia sinistra, il difensore romano arriva in area e batte Gori in diagonale. Passano appena quattro minuti e arriva il raddoppio dei padroni di casa: Baez si libera bene, sempre sulla sinistra, e dal fondo crossa al centro per Ciofani, il centravanti della Cremonese anticipa tutti e raddoppia di testa. Sono passati dieci minuti e il Pisa è già sotto di due reti. Un inizio peggiore di così… la memoria torna all’anno scorso (31 gennaio 2020), quando sotto di due gol, sempre a Cremona, il Pisa alla fine vinse 4-3 (guarda).

I tifosi del Pisa, annichiliti per l’uno-due, riacquistano fiducia al 18′, quando sfruttando un incredibile regalo del centrocampista Bartolomei, Vido salta Carnesecchi e insacca in rete accorciando le distanze. La partita di fatto si riapre. I neroazzurri sfiorano il pareggio al 29′: crosso millimetrico di Beghetto e grande stacco di testa di Palombi fermato da un legno (questa volta la traversa). Davvero sfortunato l’attaccante in prestito dalla Lazio, che l’anno scorso vestiva la maglia della Cremonese. Dopo aver centrato la traversa il pallone torna in campo e Marin, entrato in area, viene contrastato da Baez e finisce a terra, ma per l’arbitro è tutto regolare. Al 39′ un’altra azione sospetta su cui l’arbitro lascia correre: Palombi sfrutta la velocità e brucia tutti trovandosi solo davanti a Carnesecchi, che uscito fuori dall’area lo stende. Tutto regolare per il fischietto.  Quasi allo scadere dei primi 45 minuti Valzania, servito da Gaetano, solo davanti alla porta spreca con un tiraccio che finisce in fallo laterale.

Il secondo tempo è ancor più ricco di emozioni. D’Angelo corregge l’assetto mettendo in campo Birindelli al posto di Meroni, spaesato nel giocare fuori ruolo sulla fascia. All’11’ il Pisa va vicinissimo al gol: bello scambio con Palombi e Mazzitelli tira di potenza di poco a lato. Ancora il Pisa, con Lisi che crossa al bacio ma Marsura fallisce di testa, palla colpita da Vido e Carnesecchi si supera deviando in angolo. Ci prova anche la Cremonese: gran botta di Valzania al 16′, con Gori che si oppone. Il portiere del Pisa si ripete al 29′ su tiro di Colombo, aiutato anche dal rimpallo del palo. Finisce 2-1 per i padroni di casa. Un pari sarebbe stato più giusto per ciò che si è visto in campo, ma sicuramente la Cremonese è cresciuta molto, grazie ai rinforzi ma anche al nuovo allenatore, Fabio Pecchia.

Al di là della cronaca della partita c’è da sottolineare il commovente cartellone, a bordo campo, con cui è stato omaggiato Gigi Simoni: a Cremona e a Pisa ha lasciato un segno profondo. Nessuno l’ha dimenticato!

 

Il tributo Zini all’indimenticato Gigi Simoni

CREMONESE – Carnesecchi; Zortea, Bianchetti, Coccolo, Valeri; Bartolomei (46′ Pinato), Castagnetti; Valzania, Baez (69′ Celar), Gaetano (46′ Gustafson); Ciofani (61′ Colombo). Allenatore: Pecchia

PISA – Gori; Meroni (46′ Birindelli), Caracciolo, Varnier, Beghetto; Marsura (60′ Soddimo), Mazzitelli (69′ Marconi), Marin; Lisi (69′ Gucher); Vido (79′ Mastinu), Palombi. Allenatore: D’Angelo

Marcatori: 6′ Valeri (C), 11′ Ciofani (C), 19′ Vido (P)
Ammoniti: Varnier (P), Gaetano (C), Mazzitelli (P), D’Angelo (P) dalla panchina, Coccolo (C)
Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce

L’uscita con gioco pericoloso di Carnesecchi su Palombi

Foto: Gabriele Masotti

 

 

Write A Comment