Questo sito contribuisce all'audience de

L’ex presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, dopo la fine del suo mandato ha ricominciato dal basso, come assessore allo Sviluppo economico del piccolo comune di Signa, diciannovemila abitanti, alle porte di Firenze. Lo ha fatto perché, come amministratore locale, può continuare a far parte del Comitato delle Regioni, l’assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell’Unione europea.

Ora, però, si apre una nuova porta per Rossi. Si occuperà del suo partito, il Pd, in Umbria. “Zingaretti mi ha conferito l’incarico di commissario del Pd in Umbria – scrive su Facebook -. Ho il compito di dare un supporto al Pd umbro verso il congresso, dopo le sconfitte subite in tante città e alle elezioni regionali. È un incarico che mi entusiasma, di cui ringrazio il segretario nazionale”.

Rossi torna in campo per per provare a ricostruire un partito dalle macerie, dopo la pesante sconfitta subita dal centrosinistra alle Regionali e un partito in profonda crisi a seguito di un’inchiesta per presunti concorsi truccati nella sanità, che vede 45 indagati. Il politico toscano prende il posto di Walter Verini, che è stato commissario dei democratici per quasi due anni. L’incarico sarà formalizzato dalla commissione nazionale di garanzia del Pd.

5 Comments

  1. Rossi si è già riciclato facendosi nominare assessore a Signa, dopo aver preso in giro i signesi per 10 anni promettendo la cassa di espansione per evitare le consuete alluvioni ed il secondo ponte sull’Arno per decongestionare il traffico, lavori che non ha mai fatto, ha pure preteso lo stipendio. Inoltre ha incarichi in Europa

  2. Giuseppe Alfonso Reply

    Rossi commissario PD in Umbria? E che notizia è…ma chissene…peggio per gli umbripdioti

  3. Giuseppe Alfonso Reply

    Rossipantega commissario PD in Umbria? E che notizia è?

  4. ruggerobarretti Reply

    Ottimo, fosse la volta buona che riusciamo a farli scomparire del tutto dal Sacro suolo UMBRO.

Write A Comment