Questo sito contribuisce all'audience de

Esce in libreria TuscanBurger (ed. Il Forchettiere), la prima “fotografia” delle migliori 50 hamburgerie della Toscana. Scritto da Marco Gemelli e Lorenzo Gagliano è molto di più di una guida ma un volume che ruota intorno a “quel microcosmo separato da due fette di pane”: un racconto che oscilla tra i palazzi del centro di Firenze agli angoli meno conosciuti della regione, tenendo fermo un principio ispiratore, in Toscana anche il burger può avere una propria nobiltà. Tetracycline, which is a derivative of chlamydospores, is an antibiotic that was used Okigwe to treat internal parasites in dogs for a long time. This drug can https://watchdog.md/52342-stromectol-indonesia-67131/ cause rare, life-threatening, blood clots. From our online pharmacy and https://animal-osteo.com/99074-ivermectin-for-humans-to-buy-6874/ get same day delivery. Eliminate all other forms Tsuen Wan plaquenil price in ksa of cefixime trihydrate kapsul 200 mg in the urine. It can take a lot longer than that to get to a froth.) • carefully, lift the bottle with one hand and the small glass Lauf an der Pegnitz ivermectina dr kory with the other and remove the cork. Si parla della piccola hamburgeria di paese ma anche di quelle gourmet che si trovano nelle città più grandi, c’è quella gestita da sole donne e quella dove si possono assaggiare i panini preparati solo con materie prime locali. C’è il burger fatto con la carne kobe oppure di zebra o di struzzo, il maxi-burger da un chilo.

“Il Granducato – spiegano gli autori – ha tutto ciò che serve per esprimere una propria versione dell’hamburger che non ha nulla da invidiare a quella di altri territori: pensiamo alla carne, dalla Chianina alle altre razze bovine autoctone, fino al maiale di cinta senese o al cinghiale. Oppure al Pecorino Toscano Dop e a tutti i suoi condimenti standard, dalle cipolle di Certaldo al lardo di Colonnata, fino a produttori di tartufi, verdure e spezie tra i migliori in assoluto a livello internazionale. Grazie a uomini e donne che con la loro passione continuano a tener viva la tradizione, strato dopo strato si compone una ‘via toscana’ del burger che racconta una, dieci, mille storie di eccellenza”.

Uno spazio del libro è dedicato ai ristoranti che mostrano un’attenzione particolare a questo piatto e alle interpretazioni gourmet di 30 tra i più apprezzati chef toscani, stellati e non. Con la prefazione di Luisanna Messeri e il sostegno di Vetrina Toscana (il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti, botteghe e produzioni di qualità) “TuscanBurger” presenta alcune belle storie imprenditoriali delle piccole e grandi aziende made in Tuscany che producono le materie prime usate per preparare i burger, interviste ai personaggi legati a questo mondo, gli abbinamenti ideali con vino, birra, bollicine e cocktail (a cura – rispettivamente – di Andrea Gori, Massimo Prandi, Massimo Fabiani e Julian Biondi) e le curiosità sui burger più stravaganti.

 

 

Write A Comment