Questo sito contribuisce all'audience de

Con il progetto Darsena Europa il porto di Livorno punta ad aumentare in modo considerevole la propria capacità operativa nel segmento commerciale. L’opera prevede due grandi aree: una destinata a terminal per il traffico dei container, l’altra destinata al traffico delle “autostrade del mare”, utilizzata dalle navi merci e passeggeri. Il costo complessivo è di 1,3 miliardi di euro.  Con il decreto Semplificazione il Governo ha inserito Darsena Europa tra le opere strategiche. Una notizia importante per Livorno, che desta però non poche preoccupazioni in quel di Pisa. E non si tratta solo di campanilismo ma di difesa dei propri legittimi interessi. A tal proposito pubblichiamo un intervento dell’associazione Amici di Pisa.

– – – – –

Il progetto Darsena Europa a Livorno sta andando avanti, sono state effettuate le prime prove tecniche e simulazioni di manovra in mare mentre il Decreto Semplificazioni ha inserito tale opera tra quelle strategiche con conseguente finanziamento per la realizzazione. Nei prossimi mesi è atteso il progetto definitivo per la Valutazione di Impatto Ambientale.

Da anni, assieme a tante associazioni ambientaliste abbiamo segnalato la necessità di vigilare attentamente sui possibili effetti e conseguenze che questa grande opera potrebbe avere sul litorale pisano, in particolare per l’inquinamento del mare e l’erosione costiera. Abbiamo sollecitato cittadini, Parco di San Rossore, Istituzioni locali perché si occupassero attentamente della tutela di una delle più Grandi Opere naturali del nostro territorio, ottenendo infine dal Comune di Pisa lo stanziamento in Bilancio di 30mila euro per uno studio indipendente di impatto ambientale.

Anche noi infatti, come l’Assessore all’Ambiente Filippo Bedini siamo perplessi e preoccupati dal fatto che l’incaricato allo studio di impatto ambientale sia il soggetto realizzatore dell’opera, concordiamo quindi con la scelta secondo noi saggia intrapresa dal Comune di Pisa, al quale chiediamo però conto dello stato di attuazione di questo studio del quale non si è avuta più notizia, lo consideriamo infatti sempre più utile e urgente. Chiediamo invece al Parco di San Rossore quali misure ha finora intrapreso per svolgere il suo compito di garante del territorio, del paesaggio, della flora e della fauna del litorale pisano. Ringraziamo comunque i tanti cittadini che in questi mesi ci hanno dimostrato attivamente il loro appoggio e interesse, anche attraverso la nostra petizione che ha superato le 300 adesioni ed è ancora attiva.

Ci rivolgiamo infine a tutti i nostri rappresentanti politici di qualsiasi schieramento: si attivino immediatamente per garantire la salvaguardia del nostro territorio da ogni possibile rischio, in questo la Regione Toscana ha un ruolo non secondario e deve fare la sua parte tutelando gli interessi di tutti territori in eguale misura e con la stessa attenzione, non vi devono né possono esservi cittadini o paesaggi di serie a e altri di B”.

Franco Ferraro
Amici di Pisa

Write A Comment