Questo sito contribuisce all'audience de

Francesco Fasulo

Mentalità. Vi giuro, ho testimoni. Stavolta non pochi. Ho creduto alla possibilità di quest’estasi da venerdì scorso. Non pochi perché il mio articolo su Pisa-Pescara è finito sul Tirreno di domenica. La superHOPE funziona. Comincia a prendere forma il sogno.

Non mi interessa se dovrò destarmi. Mi interessava salirci su questa locomotiva emozionale che è la SQUADRA dell’Attimo Fuggente. Non voglio che non osiate e siate pavidi, non volevo pareggiarla lunedì sera. Ero disposto ad una sconfitta ma non ad un pareggio. Paradossale. La dedica a Mau da parte di Giuseppe è la ciliegina sulla torta.

Walt Disney diceva: “Se puoi sognarlo puoi farlo”. E noi siamo dei bambinoni. Siamo dentro al bancone della pasticceria la domenica, quando le mangeresti tutte, e se è vero che gli ottimisti imparano a vincere nelle sconfitte…

Torno a Milano. Come sempre sono stato bene in questi giorni. Ah, se qualcuno affitta a Tirrenia ad Agosto me lo scriva. Ci saranno i play-off e io di certo non li voglio perdere.

Prima di Bona Ugo vorrei dedicare un pensiero ai logori…, ops liguri. Lascio stare. Ma no spezzino non riesco, “davvero credevi di andare in A battendo la squadra dell’omone?”. Puppa!

L’esultanza dei giocatori del Pisa a fine partita

Spezia: Scuffet; Vignali, Erlic, Capradossi, Vitale (11′ st Marchizza); Maggiore, Bartolomei, Acampora; Ragusa (11′ st Mastinu), Nzola, Gyasi. In panchina: Krapikas, Desjardins, Mora, Galabinov, Gudjohnsen, Terzi, Bastoni, Ferrer. Allenatore: Italiano.

Pisa: Gori; Caracciolo, Benedetti, Pisano (18′ st Birindelli); Belli (18′ st Meroni), Gucher, Marin, Pinato (1′ st De Vitis); Soddimo (24′ st Minesso); Marconi, Vido (31′ st Fabbro). In panchina: Perilli, Pompetti, Siega, Moscardelli, Varnier, Masucci, Ingrosso. Allenatore: D’Angelo.

Reti: 26′ pt Gyasi, 38′ pt Marconi; 40′ st Marconi.

Arbitro: Ghersini (Genova)

Foto: Gabriele Masotti

Write A Comment