Questo sito contribuisce all'audience de

Fabrizio Boschi

Due poliziotti con una carriera alle spalle senza ombre sono stati condannati solamente per aver fermato una persona che poi è scappata. È accaduto a Empoli. Sul verbale c’era scritto che il ladro, in fuga dai poliziotti, era caduto e si era rotto la milza. Secondo il tribunale, invece, l’uomo era stato picchiato da un sovrintendente di polizia del Commissariato di Empoli e la versione messa agli atti era un falso compiuto da un collega.

Nel pomeriggio di mercoledì 8 gennaio i due poliziotti sono stati condannati: quattro anni al sovrintendente accusato di lesioni, tre anni e due mesi al collega; l’accusa aveva richiesto quindici e sei anni. Dopo la lettura della sentenza il pm è stato avvicinato e affrontato da uno degli imputati – quello con la pena minore -, che lo ha apostrofato ribadendo l’innocenza dei due agenti e definendo ‘capolavoro’ l’indagine. Il faccia a faccia è stato trasmesso in procura.

Il fatto è del 2013 ed è avvenuto a Bagno a Ripoli, anche se la banda agì soprattutto nell’Empolese Valdelsa. Sette anni fa venne riferito che il ferito – che stava rubando in un cantiere edile – era caduto da solo su alcuni tubi innocenti. Stando all’accusa uno dei sovrintendenti avrebbe colpito più volte con calci sulla parte sinistra del corpo un 50enne romeno, ovvero il malvivente in fuga. Questi avrebbe riportato la rottura della milza ma anche la frattura di una costola e ecchimosi alla testa. Il 50enne venne operato d’urgenza al San Giuseppe di Empoli e proprio il referto medico dell’epoca ha fatto partire le indagini.

All’epoca, durante una conferenza stampa, venne riferito che il ferito era caduto da solo su alcuni tubi. In quel caso i due poliziotti stavano pedinando una banda che rubava nei cantieri edili. Scoprirono il terreno in cui veniva messa la refurtiva e scattò il blitz. Ora la sentenza.

Fabrizio Boschi

Foto d’archivio

Write A Comment

Preferenze di Privacy

Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l’accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSID, gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types],

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC, act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs
PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC
act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs

Statistica

I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

_ga, _gid
_ga, _gid

Preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

_OneSignal_session, __cfduid,
_OneSignal_session, __cfduid,