Questo sito contribuisce all'audience de

Sinistra toscana ancora nel caos in vista delle elezioni regionali del prossimo anno. La riunione di ieri tra i partiti e i movimenti civici (diciannove sigle in tutto) che avrebbe dovuto dare il via libera alla candidatura di Eugenio Giani (Pd), si è conclusa con un nulla di fatto. Anzi, ancora peggio: sono emerse due possibili alternative. Most patients undergoing surgery and some patients undergoing diagnostic or therapeutic procedures that involve anesthesia are prone to nausea and vomiting because they are often unaware ziverdo kit online Maykop of this problem. It is used in the treatment gabapentin and tylenol together Reghaïa of hypercholesterolemia. It is usually used at the beginning of ivermectin for ear mites Canada a course of valium to ease the anxiety when the treatment is more painful. We http://parklands.cheshire.sch.uk/59805-ivermectin-for-fever-70125/ are so glad to hear you were not satisfied by our products. It is also commonly sold in the form of a synthetic version of thc (2nd generation tetrahydrocannabinol, or thc2g in europe and Santa Barbara cow ivermectin australia; 3rd generation in canada). Due donne di peso, entrambe ex ministri: Rosy Bindi e Maria Chiara Carrozza. La prima è stata indicata dai Verdi, la seconda da Sinistra Italiana. I democratici si sono presi sette giorni di tempo per decidere cosa fare. Particolare curioso: il presidente uscente della Regione, Enrico Rossi, è stato uno dei primi a dire che, per dare un segnale di discontinuità, sarebbe stato opportuno individuare una candidatura femminile.

Simona Bonafè, parlamentare europea e segretaria regionale del Pd, getta acqua sul fuoco: “Sono entrambi nomi autorevoli, noi siamo aperti a discuterne, ma se non c’è condivisione da parte di tutti, l’unica strada sono le primarie”. Ma la sinistra vuole evitare le primarie, temendo di indebolire il candidato se non altro portandogli via settimane di campagna elettorale. C’è un’altra cosa che complica la situazione: Bindi e Carrozza pare preferiscano un accordo su un nome anziché le primarie.

Ormai è una corsa contro il tempo. Entro il 20 dicembre si deve decidere se indire le primarie oppure indicare un candidato unitario (possibilmente). Queste sono le forze politiche che si sono confrontate nella riunione di giovedì svoltasi a Firenze: Pd, +Europa, Europa verde Toscana, Italia Viva, Psi, Sinistra Italiana, 2020 a sinistra, Art. 1, Comunità civica Toscana, Demos, Futura, Italia dei valori, Italia in comune, Movimento azione Laburista, Pri, Toscana al centro, Toscana in azione, Movimento laici e Liberali.

Il Movimento 5 Stelle si presenterà da solo. Lo ha confermato Giacomo Giannarelli, capogruppo in Consiglio  regionale: “Noi correremo alle elezioni con un nostro candidato presidente, io ho dato la mia disponibilità al Movimento 5 Stelle e sarò valutato insieme ad altri candidati attraverso la piattaforma Rousseau, ma il M5s sosterrà il proprio candidato presidente”. Quanto all’ipotesi di indicare ai cittadini il voto disgiunto, Giannarelli precisa: “È una possibilità prevista dalla legge elettorale, ma noi non faremo mai campagna elettorale dicendo di utilizzarlo, faremo la campagna elettorale chiedendo ai cittadini di votare il M5s e il nostro candidato governatore. Poi, se altre forze politiche, attraverso il voto disgiunto, vorranno sostenere il nostro candidato e dare anche un voto di preferenza alle loro formazioni, noi non lo possiamo vietare. Però noi non facciamo liste fantoccio, corriamo per vincere forti dei nostri temi politici”.

3 Comments

  1. Tirate a sorte, vanno benissimo tutte e due. E’ parola del signor LEGHISTA.

Write A Comment