Questo sito contribuisce all'audience de

L’ufficiale dello stato civile del Comune di Pisa aveva risposto picche, rifiutandosi di registrare la dichiarazione di nascita di un bambino presentata da due donne. Il tribunale di Pisa, davanti al quale il caso era finito, ha ritenuto necessario rinviare il caso alla Corte costituzionale, chiedendo di verificare se le norme che nel nostro Paese non consentono di formare “un atto di nascita in cui vengano riconosciute come genitori di un cittadino di nazionalità straniera due persone dello stesso sesso” sono in linea con i principi costituzionali. Protagoniste della vicenda sono due donne, una italiana e una statunitense, sposate nello stato Usa del Wisconsin e che, dopo una fecondazione eterologa effettuata in Danimarca, hanno avuto un bambino. Il piccolo è nato in provincia di Pisa ed ha acquisito la cittadinanza dalla madre che lo ha dato alla luce.

Esiste un contrasto tra la circostanza che la madre intenzionale (che ha dato il proprio consenso alla procreazione assistita, ed è, secondo l’ordinamento straniero, sposata con la madre gestazionale) risulta genitore secondo la legge straniera applicabile a questo caso, e l’impossibilità di formare in Italia un atto di nascita in cui un figlio risulti avere due genitori dello stesso sesso?

La preclusione alla formazione di un atto di nascita del genere comporterebbe, come si legge nell’ordinanza di rimessione alla Consulta, la “compressione” del diritto di persone – che in base alla legislazione straniera sono legate da un rapporto di genitorialità-filiazione – a vedere riconosciuta, in Italia, la propria “formazione sociale”.

Il relatore della causa alla Consulta sarà il vicepresidente della Corte, Mario Rosario Morelli. Nel corso dell’udienza interverranno i legali delle due donne, gli avvocati Alexander Schuster e Vincenzo Zeno Zencovich, oltre a quelli del curatore speciale del bambino.

1 Comment

  1. Fabio Giovanzana Reply

    Quando i “padri costituendi” nel 1947,parlavano di “genitori”,a cosa si riferivano?Il nostro “Codice Civile” entrato in funzione nel 1942,quando parla di matrimonio,non parla forse di persone di sesso diverso?Quando allora si parlava di “famiglia”,si vaneggiava forse di genitore 1,genitore 2,genitore 3?

Write A Comment

Preferenze di Privacy

Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l’accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSID, gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types],

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC, act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs
PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC
act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs

Statistica

I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

_ga, _gid
_ga, _gid

Preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

_OneSignal_session, __cfduid,
_OneSignal_session, __cfduid,