Questo sito contribuisce all'audience de

Pier Luigi Ara

– “Verità per Giulio Regeni”. A caratteri cubitali la scritta su uno striscione giallo è comparsa a una delle finestre di palazzo municipale di Calci (Pisa), dove il sindaco Massimiliano Ghimenti ha ricevuto in visita di cortesia Claudio Regeni, padre di Giulio, il giovane ricercatore friulano ucciso in Egitto tre anni fa in circostanze oscure. In Valle Graziosa si è svolta una rimpatriata di ex commilitoni del 1974 del Primo Contingente Genio ferrovieri di Castel Maggiore a Bologna , cui ha fatto parte Claudio Regeni. Un incontro cordiale con la gente a manifestare alla famiglia Regeni la solidarietà di Calci. Un gesto molto apprezzato dall’ospite il quale ha raccontato tutto il calvario affrontato per fare luce sull’omicidio del figlio,divenuto un giallo internazionale.

“Andiamo avanti- ci ha confidato Claudio personalmente -. Ci commuove la mobilitazione anche delle istituzioni, a ogni livello, per cercare di sapere ciò che viene tenuto nascosto. Comunque non ci arrendiamo. I compagni d’armi mi sono sempre vicini”.

Una persona distinta, Claudio, semplice, alla mano, dai modi cortese. Un signore senza ombra di dubbio. Elegante. Nella circostanza l’abbraccio a Calci, grazie soprattutto a Mario Zangarelli, il noto chef de “La Cantina di Gio'”, il locale che va per la maggiore all’ombra del Monte Pisano, che ha fatto gli onori di casa accogliendo la decina di ex commilitoni venuti da varie parti d’Italia.

Insieme a Claudio Regeni, di Trieste, Sauro Geppetti (Rosignano), Giovanni Gronchi (Cascina), Massimo Gori (Prato), Danilo Raffi (Arcidosso sull’Amiata), Gilberto Sgaldini (Monfalcone), Luigi Ecoretti (Udine), Maurizio Fantina (Udine), Bruno Forgiarini (Livorno). Un clima di grande amicizia nel ritrovarsi uniti a distanza di quasi mezzo secolo. Episodi piccoli e grandi rievocati nel rimembrare la beata gioventù. Erano soldati nei verdi anni e oggi la maggior parte di loro sono babbi e nonni. Squarci di vita vissuta, anche il ricordo del loro capitano Francesco Cornacchia “tremendo ma umano”, in particolare il silenzio fuori ordinanza, ma solo l’ultimo, quello che segnò lo “sciogliete le righe” del ritorno a casa.

Pier Luigi Ara

  • Nella foto di gruppo Claudio Regeni indossa il cappello

Write A Comment

Preferenze di Privacy

Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l’accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSID, gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types],

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC, act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs
PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC
act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs

Statistica

I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

_ga, _gid
_ga, _gid

Preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

_OneSignal_session, __cfduid,
_OneSignal_session, __cfduid,