Questo sito contribuisce all'audience de

Ci sono tanti lavori che non richiedono una preparazione particolarmente qualificata ma solo un po’ di esperienza, che ovviamente si fa sul campo. Il requisito più importante richiesto è la buona volontà. Eppure molte attività faticano a trovare gli addetti di cui hanno bisogno. Veniamo ad esempio ai ristoranti. Secondo gli ultimi dati diffusi da Unioncamere, a gennaio in Italia c’è una richiesta di 11mila camerieri, che in 23 casi su 100 non si trovano. Percentuale più alta per gli aiuto cuoco, con il 42% dei posti di lavoro di cui c’è bisogno che non viene coperto. Forse uno degli elementi che frena ad accettare certi lavori è il livello di istruzione posseduto superiore a quello richiesto per quel tipo di lavoro: il 23% degli italiani è sovra istruito (rispetto al lavoro svolto), il 34,7% per gli stranieri. Ci possono essere anche motivazioni economiche, cioè le retribuzioni troppo basse. Sarà interessante vedere come cambieranno le cose con il reddito di cittadinanza.

Intanto in provincia di Arezzo si segnala un caso a dir poco sorprendente. Il titolare di un panificio-pasticceria, Alessandro Canu, non riesce a trovare gli operai di cui ha bisogno. Li sta cercando da tempo ed è stato pure in tv, a Piazza Pulita (La7), per parlare del suo problema. Dopo quell’appello si sono fatti avanti in 35, di cui 5 con una buona esperienza. Ma nessuno è rimasto a lavoro per più di due notti. Eppure un fornaio esperto, tenuto conto del lavoro notturno può arrivare a prendere 1800 euro al mese, ed uno che impara ne intasca 1300. Canu non si è dato per vinto: è tornato in tv e, dopo il secondo appello, ha ricevuto altri 50 cv. Stavolta spera di trovare l’aiuto che cerca. Qualcuno arriva da lontano (Sicilia). Molto interessante l’ultima iniziativa: organizzare dei corsi di formazione. Vi riportiamo qui di seguito l’annuncio:

Segnaliamo i corsi formativi per fornaio e pizzaiolo finanziati tramite la Regione Toscana e che si svolgeranno in Valdarno. Inviare la domanda a info@athenaformazione.it.
Le iscrizioni si chiudono il 15 febbraio 2019.

Write A Comment