Questo sito contribuisce all'audience de

Il gip del tribunale di Pisa, Donato D’Auria, ha deciso: Giacomo Franceschi resta in carcere. Il 37enne di Calci è accusato di incendio boschivo e disastro ambientale. Il procuratore Alessandro Crini ha spiegato che Franceschi “ha fornito una sorta di ammissione di responsabilità con riferimento però ad un’ipotesi di incendio colposa. Dal nostro punto di vista il quadro indiziario è invece grave e dimostra la volontarietà del gesto. È stato lo stesso Franceschi – ha spiegato poi Crini – ad ammettere che da quel pezzo di carta acceso e gettato per terra possa essere partito il rogo. Ha anche ammesso di aver buttato via l’accendino, una volta resosi conto dei suoi gesti”.

Nell’interrogatorio avvenuto poco prima del fermo Franceschi ha ammesso di essersi recato sul Monte Serra, ma solo per controllare la situazione per l’allerta maltempo, nell’area in cui una decina di giorni prima c’era stato un incendio. Ed ha anche detto che aveva con sé un accendino, quella sera, e di averlo utilizzato per bruciare dei fili di una cucitura della tuta della protezione civile. Ma ha ribadito di non essere stato lui a dare fuoco al monte.

Nell’udienza di convalida Franceschi ha preferito non parlare (facoltà prevista dalla legge). Il gip ha accolto la richiesta della procura di Pisa e ha deciso che il volontario della protezione civile resti rinchiuso nel carcere Don Bosco di Pisa.

Decisive, nella scelta del gip, sarebbero state alcune contraddizioni e incongruenze nei racconti dell’uomo (con un buco di due ore ancora da chiarire). Il nome di Franceschi era finito fin da subito in una rosa di sospettati, redatta dai carabinieri forestali. A inchiodarlo sarebbe stato il cellulare (e la cronologia di Google Maps), che hanno “immortalato” la sua presenza sul Monte Serra, poco prima dell’incendio, e i suoi spostamenti.

Write A Comment

Preferenze di Privacy

Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l’accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSID, gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types],

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC, act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs
PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC
act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs

Statistica

I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

_ga, _gid
_ga, _gid

Preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

_OneSignal_session, __cfduid,
_OneSignal_session, __cfduid,