Questo sito contribuisce all'audience de

Paolo Rametta *

Il 2017 è un anno importante per uno dei tre atenei che contribuiscono a rendere la nostra città un crocevia di esperienze unico. La Scuola Sant’Anna compie infatti trent’anni dalla sua fondazione, avvenuta con legge nel 1987, sebbene la storia dell’istituzione risalga al 1967, quando fu istituita la Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento (non ancora Sant’Anna) dalla fusione del Collegio Medico Giuridico (allora annesso alla Scuola Normale) e del Collegio Pacinotti. Generazioni di studenti provenienti da varie parti d’Italia giungono a Pisa e vi trascorrono anni fondamentali della loro vita, rimanendo in molti per lavoro, fino a metter su famiglia e facendo di Pisa la loro nuova casa.

Nell’antico complesso di piazza Martiri della Libertà, dove alcuni studi ipotizzano che Galileo Galilei effettuasse le prime osservazioni astronomiche, vivono e studiano ogni giorno alcune centinaia di studenti, che insieme a docenti e ricercatori altamente qualificati costruiscono il sapere dell’Italia di domani; un sapere che spazia dall’economia alle biotecnologie, dal diritto alla medicina. Quotidianamente si tengono decine di seminari, corsi di approfondimento e alta formazione, con la possibilità di confrontarsi con i più grandi studiosi e scienziati del panorama italiano.

E in questo intreccio di esperienze si sono formati cittadini che hanno dato molto al nostro Paese (penso a Giuliano Amato, Enrico Letta e a molti altri) ma anche al mondo intero (penso a Tiziano Terzani, ma anche agli studi di Antonio Cassese). In questo 2017 la Scuola ha voluto celebrare i suoi trenta (o cinquanta) anni di storia chiamando a raccolta i suoi ex allievi (lo scorso 30 aprile e primo maggio più di 200 ex studenti si sono ritrovati nella Scuola per una grigliata) e invitando personaggi di calibro internazionale per cogliere anche spunti utili per il prossimo futuro.

L’economista premio Nobel Joseph Stiglitz, il presidente della Corte costituzionale Paolo Grossi  e altri grandi ospiti che si succederanno fino alla fine dell’anno contribuiscono a testimoniare che la ricerca e l’accademia non deve rimanere isolata e asfittica, ma deve contaminare la cultura – nella sua accezione più ampia – e la cittadinanza. Se la Scuola – e la nostra città – saprà cogliere questa sfida all’apertura, il 2017 sarà l’occasione per pensare i prossimi cinquant’anni della nostra istituzione.

(*) Allievo perfezionando della Scuola Superiore Sant’Anna

Write A Comment

Preferenze di Privacy

Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l’accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSID, gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types],

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC, act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs
PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC
act, c_user, datr, fr, pl, presence, sb, wd, xs

Statistica

I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

_ga, _gid
_ga, _gid

Preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

_OneSignal_session, __cfduid,
_OneSignal_session, __cfduid,